Hai Pensieri Suicida?

Con tutto quello che é successo e con tutto quello che hai passato é possibile che sensazioni e pensieri su questo siano talmente travolgenti che ti senti completamente indifeso e senza speranza. Il dolore che hai provato e provi sembra non smettere mai e ti sembra di non saper piú cosa fare. Ti puó sembrare che tu non abbia piú alcuna possibilitá e c’é soltanto una cosa possibile – il suicidio.

Il suicidio é l’azione ultima che puoi intraprendere e prima di fare qualsiasi cosa devi rispondere a questa domanda:
É la situazione che ti fa pensare di voler morire, o é piuttosto il fatto che vuoi mettere fine al modo in cui ti senti ora?

Spesso é questo il caso: quando siamo in cosí tanta disperazione non vogliamo altro che mettere fine al dolore e all’ansia in cui siamo, ma, come ogni cosa che cambia, anche le sensazioni cambiano.

Essere in uno stato di dolere mentale, emotivo e fisico significa che anche i nostri pensieri sono distorti, ma bisogna tenere a mente il fatto che solo perché pensiamo certe cose, non vuol necessariamente dire che tali pensieri siano veri. I pensieri influenzano il modo in cui sentiamo e il modo in cui reagiamo, cosí se i pensieri sono contorti é possibile che lo sia anche la nostra risposta emotiva e di conseguenza le nostre reazioni.

Chiaramente non c’é equilibrio tra l’intensitá delle sensazioni di dolore e gli strumenti e le risorse che devi avere a disposizione. Ecco quindi alcune idee di cose che puoi fare per riportare questi momenti in prospettiva e che ti possono aiutare a superare i giorni bui.

* RESPIRO – Come sempre, assicurati che, quando questi pensieri suicida ti passano per la testa, prendi il tempo per respirare – fermati, pensa solo al tuo respiro, lascia cadere le spalle e inspira lentamente dal naso ed espira dalla bocca, assicurandoti che anche il tuo stomaco si sollevi ogni volta che inspiri. Questo fa sí che il tuo cervello riceva una maggiore quantitá di ossigeno ed aiuti a combattere gli ormoni dello stress che ti portano verso questi pensieri contorti.

* SENSI – I pensieri distorti fanno sí che tu veda lo spazio che ci circonda attraverso occhiali contorti, quindi concentrandoti su dove sei usando i tuoi sensi é un buon metodo per tornare con i piedi per terra – guarda quello che ti circonda, cosa vedi. Ascolta i suoni. Nota gli odori. Se é possibile assaggia qualcosa. Tocca le pareti o ol pavimento o qualsiasi altra cosa intorno a te e osserva le sensazioni che provi entrando in connessione con questi oggetti – é freddo, caldo, morbido, pungente, ecc.

* TEMPO – Decidi di non prendere alcuna decisione per la prossima ora o per il prossimo giorno e usa questo tempo per fare qualsiasi cosa possibile per evitare di toglierti la vita, usando ogni strumento a tua disposizione.

*PARLA – Contatta qualcuno di cui ti fidi – un amico o un familiare, telefona ad un centro di aiuto, un consigliere o anche il pronto soccorso dell’ospedale. Se non riesci a parlare con nessuno, e se ti senti sicuro nel farlo, esci e vai in mezzo alla gente.

DISTRAZIONE – Trova qualcosa da fare che ti distolga dai pensieri suicida e metti tutta la tua energia di pensiero in questa attivitá. Potrebbe piacerti prendere in considerazione una delle seguenti idee:
Porta a spasso il cane
Leggi
Guarda la televisione
Fai le pulizie (solo attivitá leggere)
Fai giardinaggio
Collegati ad un forum di supporto su internet
Ascolta un CD rilassante
Fai le parole crociate
Mettiti a cucinare o fai una torta
Lavora al tuo giornale
Dipingi o colora quello che senti
Fai visita a qualcuno
Offriti per aiutare qualcun’altro
Fai una passeggiata
Metti una musica a volume alto e balla nella tua stanza

*RICORDA – Discuti con te stesso quali potrebbero essere forme alternative di pensieri che potrebbero aiutarti:
-”Ce l’ho fatta per un’ora/un giorno, posso provare per un’altra ora/giorno”
-”Mi sono giá sentito cosí, ma poi passa”
-”Ci sono persone che posso contattare e so dove trovare aiuto”
-”Quando mi sento cosí so che i miei pensieri sono contorti, quindi bisogna che aspetti fino a quando riesco a pensare chiaramente”
-”I pensieri possono non essere sempre reali, puó darsi che ho pensieri cosí neri perché mi sento depresso”
-”Non devo agire sulla base dei pensieri”

Ricorda che il suicidio é una soluzione definitiva ad un problema temporaneo

4 Responses to Hai Pensieri Suicida?

  1. alesandro says:

    Premessa:
    Questi non sono problemi messi
    In ordine di una scala,,,,questo è uno
    Sfogo perché Dalla mia bocca non
    Riescono più A comunicare.

    Non ho lavoro perciò economicamente per vivere e già una
    GUERRA già persa
    i Miei Migliori amici sono morti, l’ultimo Mio e migliore amico
    Non comprende non per cattiveria ma sicuramente Ha un carattere molto
    Forte.
    Sono Uscio Da anni Dal tunnel della droga E per Assurdo
    Mi sento peggio,vuoto e debole!
    Non voglio compassione! Solo aiuto!
    E a pensare Che ho cominciato Abbastanza bene la mia
    Vita facendo molto volontariato sia su autoambulanze Che
    Protezione civile,,beh Pensate perché Non Torni
    A fare Una cosa ché ti piaceva ed allo stesso tempo
    Utile…la Risposta è Presto detta Non Mi vogliano più!
    Poi non ho più 16 o 20 anni con genitori che mi aiutavano
    economicamente…ora o 42 anni e ho bisogno Di aiuto di mia
    Madre che ha 82 anni!!
    tutto ciò vi sembrerà poco
    Ma non ho scritto cosa dilania il mio cuore
    Ho 1 figlia che non prova per me neanche ODIO (Che Sarebbe
    Un sentimento) Proprio Non ha sentimenti verso me(vi Giuro
    Fa un male indescrivibile)tutto perché é cresciuta Nella menzogna di una nonna.
    Molti altri problemi ho ,che Non potendo risolvere giorno dopo
    Giorno sono diventati la mia Croce
    E io non sono certo gesù!

    • Lug says:

      Mi chiedevo del perché ti tengono così alla larga, la figlia, il lavoro da volontariato. Io non so che problemi hai avuto in passato ma sei sicuro di non portarteli appresso anche ora (e non parlo di droga)? Io ho un fratello che ha avuto in passato problemi di droga frequentando piccole bande criminali. Dopo che si è sposato ha cambiato completamente vita e non ne vuole più neppure parlare, ma molto del suo carattere è rimasto, solo che non se ne accorge (anche se è una persona comunque migliore rispetto al passato).

      Non so in che modo sei cambiato ma a volte è difficile rendersi conto di non piacere agli altri per nostri difetti caratteriali. Magari poi mi sbaglio del tutto non avendo modo di sapere le motivazioni di questo tuo isolamento sul lavoro e in famiglia.
      Conosco molte persone che vengono da passati simili, da giovane conoscevo un ragazzo famoso nel mio quartiere perché sempre pronto a fare del male ed era perfino entrato in un’organizzazione mafiosa. Ne era uscito solo negli ultimi anni, viveva nel palazzo davanti al mio, sembrava cambiato e mi chiedeva spesso di andare da lui a prendere un caffé, lo chiedeva a molti a dire il vero. Viveva da solo, la famiglia e i figli lo avevano lasciato da anni.
      Era isolato perché, per quanto lui volesse dare a vedere che fosse cambiato, tutti si ricordavano che persona era stata in passato.
      Io non l’ho conosciuto molto, ne tanto prima (siamo solo cresciuti assieme) ne tanto meno dopo che ha mollato quella vita. So solo che era un tipo violento anche in famiglia e questo era quello che si sapeva di lui.
      Si è impiccato in casa neppure 2 anni fa. Mi ricordo di lui solo per quelle poche volte che mi invitava a casa per quel caffé, forse per due chiacchiere.
      Sto cercando di dirti che se hai un passato da voler dimenticare devi cercare di darlo a vedere in tutti i modi, non solo con il volontariato.
      Si può riuscire a smettere di fare del male ma spesso si continua a ricordarlo agli altri con piccoli atteggiamenti dei quali magari non ci rendiamo neppure conto.

      p.s. se te lo chiedevi sono cresciuto in un quartiere che era meglio se lo recintavano e davano fuoco, questo posto ha fatto del male a tanti ragazzi e a tante famiglie ed è dura poi riuscire a uscirne fuori, neppure ora che è stato “bonificato”.

  2. Antonio venoso says:

    Da un Po di tempo da quando sto soffrendo di epilessia e da quando ho perso il lavoro faccio sempre pensieri di suicidi nn riesco a vivere più io penso di essere inutile x questa vita nn riesco a vivere più

  3. Angel says:

    Coraggio,fatti forza!!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>