Parte Legale

AIUTO LEGALE
La colpa è disponibile per consigli per le questioni legali riguardanti abusi sessuali subiti da persone consacrate.
Scrivi a: info@lacolpa.it

Allegati
Patrocinio gratuito a spese dello stato
Termini di prescrizione in Italia

Chi intenta azioni contro il papa?di David Greenwood – Luglio 2011
– SFIDA LEGALE CONTRO GLI ABUSI SUI BAMBINI DELLA CHIESA CATTOLICA –

Siamo a conoscenza dei vergognosi abusi di bambini da parte di preti. Questo articolo tratta gli abusi della chiesa cattolica di Roma, anche se bisogna riconoscere che gli abusi avvengono in moltre altre organizzazioni.

Violazione della fiducia

La chiesa cattolica romana inizia a prendersi la nostra fiducia dal giorno in cui nasciamo. I bambini sono battezzati e forzati ad andare in chiesa fin da piccoli. I preti si infiltrano nelle comunitá. Diventano amici delle famiglie e portano i bambini in gita. I preti ci dicono che saremo eternamente dannati se disubbidiamo alla chiesa. Promuovono il concetto del peccato e il loro potere di assolverci. Indossano abiti neri. Si mettono nella posizione di ‘qualcuno di cui fidarsi’. Il loro abbigliamento rinforza il loro ‘essere speciali’.

L’approccio del Vaticano sull’abuso di bambini da parte dei preti

Nel 1962 é stato pubblicato ‘Crimen Solicitationis’ , un documento scritto dal papa con istruzioni per vescovi e preti in tutto il mondo sul modo in cui gestire le accuse di abusi perpetrati da preti. Le vittime, i preti e chiunque altro connesso al caso devono essere gestiti internamente (quindi senza involvere polizia o altro ente esterno alla chiesa). Tutti i rapporti devono essere inviati a Roma.

Un uffico della chiesa cattolica, chiamato la Congregazione della dottrina della fede (CDF) prende in carico questi rapporti. Josefph Ratzinger é stato a capo del CDF dal 1984 al 2005. Cardinali e vescovi decidono quali azioni intraprendere in caso di rapporti relativi ad abusi. Nel 2001 papa Giovanni Paolo ha rinforzato la politica di copertura con il suo nuovo Crimen documento. Nel 2001 l’attuale papa Ratzinger ha scritto una lettera ai vescovi sollecitandoli a tenere lontano dalla polizia ogni rapporto relativo ad abusi. Nel 2010 il papa ha rinnovato tale richiesta ai vescovi.

Quanto incide questo sulla giustizia?

Certamente la chiesa cattolica non é in grado di investigare questi casi e procedere in modo adeguato senza trovarsi in conflitto. Le prove raccolte fino ad ora evidenziano il fatto che la decisione di non informare la polizia sui casi di abusi significa che gli abusatori non vengono sottoposti ad alcuna pena. La chiesa cattolica di Roma sposta semplicemente i preti in “case per preti birichini”, li sposta di diocesi in diocesi, di parrochia in parrocchia, o in un altro paese. Sotto il regime interno del Vaticano, gli abusatori non sono mai portati in tribunale. Non devono rispondere alla giustizia e non devono scontare lunghi periodo in prigione.

Conseguenze globali per i bambini

Essenzialmente i preti non vengono puniti per gli abusi. Hanno la possibilitá di abusare sapendo a priori che la massima conseguenza di tali atti é la scomunica. Questa situazione é disperata per i bambini in Africa o in Indonesia dove é difficile chiedere l’aiuto di enti di applicazione della legge civile come la polizia.

Come cambiare l’approccio del Vaticano?

Pressione attraverso pubblicitá e imbarazzo creato da comunicati stampa o siti web sono di certo un aiuto per far arrivare al Vaticato il messaggio che il loro atteggiamento deve cambiare per il bene delle relazioni delle generazioni future con i preti cattolici. C’é anche la possibilitá di un’azione legale contro i membri della Congregazione della dottrina della fede (l’attuale papa incluso) sostenuta dalla decisione e dalla resistenza a presentare alla polizia le accuse di abusi a carico di membri della loro organizzazione.

Chi intenterá azioni contro i cardinali e il papa?

Una richiesta di incriminazione contro i cardinali responsabili ed il papa é stata presentata alla Corte Criminale Internazionale ed alla Corte Nazionale Spagnola, entrambe hanno giurisdizione in quest’area. Per ulteriori informazioni su queste accuse possono essere trovate sul sito www.popeaccountability.org

L’autore di questo articolo é David Greenwood, un avvocato specializzato in casi storici di abusi nell’infanzia.
Email: david.greenwood@jordansolicitors.co.uk
www.childabusesolicitor.com

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>