Rompere il Silenzio

Nonostante il tuo impegno o il tuo coraggio, é veramente molto difficile riprendersi dal’‘abuso sessuale nell’infanzia nell’isolamento. Infatti, molti dei problemi che circondano l’abuso possono essere la conseguenza dalla segretezza e dal silenzio che ne derivano.
Riprendersi stando in quel posto isolato e silenzioso é quasi impossibile.

Molti di noi si sono resi conto che parlarne per la prima volta é allo stesso tempo una cosa che fa tanta paura e che aiuta nella guarigione. Rompere il vincolo del silenzio é in ogni caso il primo passo verso il recupero.

Stai attento, fallo con delicatezza, non urlarlo subito dai tetti, sei ancora vulnerabile.
La tua sicurezza e la tua tranquillitá sono le sole cose che contano.
Puó darsi che tu abbia un partner che ti sostiene o amici, famiglia, un consigliere, un gruppo di sostegno, ecc. Idealmente sarebbe bene avere il supporto combinato di piú parti su cui poter contare mentre lavori verso la tua guarigione. Ma quello che é veramente importante é trovare le persone giuste.
Devono essere persone consapevoli della gravitá di questo argomento e, nel caso di un terapeuta, bisogna che abbia le conoscenze e la capacitá necessaria ad aiutarti.

Non é necessario, o opportuno raccontare a tutti la tua storia o quello che stai cercando di fare, ma puoi volerne parlare con le persone a te piú vicine, cosí che possano capire perché all’improvviso sei arrabbiato o triste, hai bisogno di essere solo, ti butti nel lavoro, o sfuggi l’intimitá.
In questo modo saranno in grado di poterti aiutare meglio e tu sarai in grado di creare relazioni piú sane.

Siccome siamo tutti unici e abbiamo una vasta gamma di differenze, non c’é un unico modo di fare questo. Ognuni di noi ha le proprie preferenze. Dobbiamo quindi scegliere attentamente il nostro esercito in grado di aiutarci a combattere questa battaglia e vincerla.

Dopo aver raccontato la tua storia per la prima volta, cosa che potrebbe farti rivivere il dolore e ricordi che pensavi aver ben nascosto, potresti aver bisogno di un po’ di spazio. Datti quindi la possibilitá di riprenderti dopo ogni passo, datti la possibilitá di respirare di nuovo, prima di continuare.
Non c’é un limite di tempo, prenditi tutto il tempo che ti serve, ma ritrova il tuo giusto equilibrio, non aspettare tanto a lungo da non trovarlo piú.

Ogni volta che ne parli puó essere un’esperienza diversa, puoi avere reazioni differenti, perció, prima di tutto sii compassionevole con te stesso.

Ricorda che la tua guarigione é qualcosa che sta crescendo, e come ogni fragile germoglio dobbiamo stare attenti al modo in cui ci prendiamo cura di questa fragile piantina. Stai perció attento e sii critico nella scelta di chi vuoi nella tua squadra. Abbiamo disegnato ‘l’Albero dei Sopravvissuti” per aiutarti a trovare le migliori risorse, il concime migliore!

Quando racconti la tua storia per la prima volta, scegli un momento in cui ti senti a tuo agio, in un ambiente che ti dá sicurezza , e ricorda – La veritá piú importante che sia mai stata detta é la tua!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>