Capire e Rendersi Conto

Prima di iniziare a costruire qualcosa, dobbiamo prima di tutto assicurarci che le fondamenta siano solide.
Dobbiamo capire la natura dell’abuso e dei danni a lungo termine causati da esso. Dobbiamo guardare onestamente le dimensioni del male che ci é stato fatto e l’influenza avuta sulla nostra vita. Proprio un inventario – un resoconto. Se tu avessi un negozio che e’ stato danneggiato da un terremoto, dovresti fare un inventario dei danni subiti prima di poter riaprire.

É tutto qui, uno sguardo sulla realtá della situazione, nulla di positivo o negativo, solo una lista di controllo. Dobbiamo guardare ogni singolo aspetto del nostro essere, vedere quello che é ancora a posto, quello che é irriparabile e quello che con un po’ di lavoro puó essere riparato.

Non ci sono dubbi sul fatto che l’abuso sessuale nell’infanzia é devastante.
Se l’abusatore é un uomo della chiesa, qualcuno in cui sei stato educato ad aver fiducia, gli effetti possono essere ancora piú grandi. Ma non sono insormontabili! puoi riprenderti. Certamente devi lavoraci su, e suggerisco di impegnarti nel lavoro di ripresa tanto quanto ti sei impegnato in tutti questi anni per sopravvivere.
Usa la lista di controllo che hai fatto per misurare i tuoi progressi, riguardala di tanto in tanto, “dove sei ora?” : vedere i progressi che stai facendo ti aiuterá a continuare.
Guarda i dettagli. Non aver paura, é solo un’inventario, ti fa bene vedere e ti aiuta ad essere ancor di piú “empowered”.

**IMPORTANTE – se il tuo abuso é recente, sarebbe bene considerare una visita medica. Hai qualcuno di cui hai fiducia e con cui puoi parlare di questo? Se sei ferito, contuso, perdi sangue o soffri di dolori interni, é importante assucirarsi che tu non sia in immediato pericolo fisico in seguito all’abuso.

Corpo

Un buon punto di partenza per fare il punto della situazione é la parte piú ovvia : tu, persona fisica.
Inizia col fare una lista di cose relative al tuo corpo. Un buon metodo per concentrarsi su questo compito é quello di inziare dalle dita dei piedi e piano piano risalire, considerando ogni singola parte di te.

Hai dolori in qualche parte del tuo corpo?
Hai cicatrici o porti ancora i segni di una vecchia ferita?
Hai problemi di salute o dolori o fastidi che é il caso di investigare? O soffri di disturbi che non riesci a gestire bene come vorresti?
Ci sono medicine che devi prendere e che spesso non prendi?
L’abuso ti ha lasciato problemi di alimentazione, nutri il tuo corpo sufficientemente?
E le dipendenze? – soffri di dipendenze risultanti dalla tua traumatica esperienza?
Come dormi? – Anche il tuo sonno é danneggiato a causa dell’abuso?
Hai abbastanza vestiti? Hai freddo o caldo? Quando ti senti piú a tuo agio?
Ci sono momenti in cui il tuo cuore inizia a correre, ti gira la testa, hai la nausea o ti sudano le mani?
Se sei una donna, com’é il tuo ciclo?
Senti il bisogno di tagliarti o di farti del male? Come gestisci la cosa?

Mente/Sentimenti

Molto spesso il corpo e la mente vanno mano nella mano, e chiaramente, i sopravvissuti sanno anche troppo bene che l’abuso del corpo si ripercuote anche sulla mente. Quindi, mentre fai una lista di controllo della tua mente, alcune delle domande che ti puoi porre sono queste:

Quali sono i tuoi stati d’animo – sono oscillanti, sei spesso depresso, piangi continuamente?
Ti accorgi di perderti qualche volta e di non poter ricordare cosa stavi facendo o pensando?
Ti é capitato di riprendere conoscenza in posti strani?
Pensi di dissociarti dal mondo che ti circonda?
Senti voci nella tua testa e, se si, cosa ti dicono?
Sei coscente di altre facce della tua personalitá, magari che si manifestano come caratteri completamente separati?
Hai attacchi di panico, sei paranoico, continui a controllare di essere al sicuro, o la tua pulizia?
Hai momenti di rabbia intensa che o lasci uscire o tieni nascosti?
Pratichi l’automutilazione e, se si, cosa ti dá?
Hai mai preso in considerazione l’idea del suicidio, o ci hai provato? Sei stato aiutato in questo?

Autostima

Cosa pensi di te ora che sai cosa ti é successo?
Ti preoccupo di aver istigato il tuo attentatore, o magari pensi che quello che ti é successo sia la giusta punizione per qualcosa che hai fatto?
Pensi di essere una persona cattiva, perché non sei sicuro se l’hai incoraggiato o no?
Senti di non meritare amore, nutrimento, cura, sostegno, incoraggiamento, una relazione, amicizie, figli, cibo, attenzione, complimenti, gentilezza, ecc.?
Pensi non sia possibile amarti?
Ti piaci, o ti piace una parte di te, quali pensi che siano le tue caratteristiche migliori?
Pensi sia meglio tenere nascosto agli altri chi veramente sei, nel caso pensino che sei una truffa?
Ti é capitato di non essere creduto dalla gente e ora pensi di essere veramente un bugiardo?

Sessualitá

Sei insicuro del tuo orientamento sessuale a causa dell’abuso?
Hai paura di esplorare la tua sessualitá?
TI preoccupi di essere giudicato sul tuo orientamento sessuale?
Ti spaventa l’idea di avere rapporti sessuali?
Ti disturbano i tuoi istinti sessuali, ti preoccupi del fatto che siano normali o no?
Ti preoccupi di cosa é normale?
Credi di essere attratto da cose che pensi non dovrebbero attirarti, per esempio il sesso opposto, o bambini, o preti?
Pensi che amore é uguale a sesso e viceversa?
Pensi di essere sesso dipendente o trovi che le tue relazioni finiscono perché non vuoi trovarti nell’intimitá con qualcuno?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>