Diario dall’esilio

“Allora bel marinaio, parti? Sono costretto… non sono di quelli che mettono le radici”
Questa frase è scritta nell’agenda 2011 che ho comprato in libreria e quando mi sono accorto che stava scritta sulla copertina, ho pensato che non fosse una casualità… mi sento un marinaio sempre in partenza, in continua ricerca di quella terra sconosciuta nel quale mettere radici e nel quale trovare la pace per l’anima…quella terra è nel profondo di noi stessi e solo attraverso i viaggi che la vita ci propone, possiamo ritrovare il nostro paradiso interiore.

Mi è stato proposto questo diario…vorrei intitolarlo “Diario dall’esilio”, non perché vivo fuori dalla terra delle mie origini…- questa è una scelta che ho fatto con grande piacere per vivere in questo paradiso di Tenerife – ma perché ancora mi sento lontano dalla terra del mio cuore, pur sentendo che dopo tanti viaggi, passo dopo passo, finalmente sto ritornando a casa; dopo tante ricerche e cambiamenti sto ritrovando il mio cuore!

Dedico queste pagine sparse a tutti noi sopravvissuti alla tragedia dell’abuso sessuale compiuto da preti carnefici, affinché possiamo insieme diventare “viventi”, capaci di illuminare la strada degli uomini e delle donne che si incamminano verso il proprio cuore…

Mi chiamo Salvatore Domolo, sono nato a Novara; ho 46 anni.
Dagli 8 agli 11 anni, sono stato vittima di abusi sessuali da parte del prete della parrocchia che frequentavo tutti i giorni per partecipare alla messa. Entrato in seminario, sono stato costretto al silenzio da parte del mio padre spirituale e a 25 anni sono diventato prete; dopo pochi anni mi sono messo in crisi, lasciando l’incarico parrocchiale e facendo il prete operaio. Ribelle alle dichiarazioni ufficiali della chiesa, dopo essermi laureato in Scienze della comunicazione, il 26 Agosto 2005 mi autosospendo dal ministero sacerdotale. Il 7 ottobre 2009 metto la parola fine alla mia partecipazione alla chiesa cattolica richiedendo ufficialmente lo sbattezzo. Il 17 novembre 2009 ottengo ufficialmente lo sbattezzo.
Faccio parte del gruppo di Survivors Voice Italia e continuo a battagliare contro la chiesa cattolica affinché ci sia giustizia e verità.
Nel marzo 2010 ho rilasciato una intervista alle Iene raccontando la mia esperienza di vittima della pedofilia clericale.
Da giugno 2011, vivo a Tenerife (Canarie) – Spagna. Lavoro come floral designer in un negozio di fiori.

Se vuoi collegarti con altri e condividere i tuoi pensieri, scrivici e parliamone!

Diary di Salvatore Domolo













Per leggere il mio diario, clicca sull’immagine

6 Responses to Diario dall’esilio

  1. umberto faccin says:

    Ciao Salvatore,
    Ti ricordi di me?
    Io di te ho un bel ricordo, possiamo sentirci?
    Buona giornata.
    Umberto Faccin
    Varallo Pombia

  2. Veronica says:

    Buondì Salvatore,mi chiamo Veronica e stavo cercando cose riguardo al discorso abusi sessuali compiuto da preti..Spiegare perchè ora sarebbe troppo lungo e complicato,in ogni caso volevo dirti che ti capisco e che ti sono vicino in questa dannazione..
    I miei abusi sono inziati attorno ai 5 anni,e sono continuati fino ai 10 circa..il mio caro papà..
    E come se non bastasse sono stata violentata a 14 anni da un altro papà,un giovane papà che abitava nel mio paese..Mia madre è la classica madre struzzo,ma è anche estremamente religiosa(anche se sono convinta che questa sua ossessione sia dovuta al pulirsi la conscienza:non è nè affettuosa,nè disponibile,nè rispettosa..e non so,sta cosa dei preti è qlc giorno che mi stuzzica la mente..probabilmente per un’associazione tra questo “lato”di mia madre,e la figura di mio papà..perchè non è un prete no,però ho letto che gli abusi perpetrati da preti,possono essere vissuti come un vero e proprio incesto..
    Ti lascio questo link se ti va..è una canzone che credo ti potrebbe dare un certo che,relativalmente a diciamo..questo “ambito”…
    Un abbraccio e ti auguro tutto il bene possibile,Veronica.

    • salvatore says:

      ciao Veronica
      mi spiace leggere delle violenze che hai vissuto…e in questo caso siamo fratello e sorella per l’esperienza di dolore che abbiamo vissuto.
      sono tante purtroppo le persone che vivono questa ferita.
      il tentativo di Dominio, ha generatovittime…ma non ci hanno schiacciato, siamo vivi e possiamo dire con forza la nostra verita.
      se vuoi che ci manteniamo in contatto scrivimi a sdomolo@hotmail.com
      un abbraccio e un carezza
      ciao

  3. Veronica says:

    http://www.youtube.com/watch?v=zkogLNkj0ek

    Eheheheh scusa,avevo dimenticato il link della canzone:-)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>